Spazio Sociale
Web Hosting

  •  DISABILITA
     22/09/2016
    Gli Occhi del Cuore, la Fondazione che guarda al futuro di non vedenti e pluriminorati
    L’intervista a Vito Pacillo, presidente del sodalizio nata dalla volontà delle famiglie
    Gli Occhi del Cuore, la Fondazione che guarda al futuro di non vedenti e pluriminorati

    L’obiettivo è quello di offrire alle persone non vedenti ed ipovedenti pluriminorati adulte, a conclusione del loro percorso scolastico, servizi idonei a garantire loro una migliore qualità di vita, integrando quanto di incerto, discontinuo e limitato viene erogato dalle Istituzioni, rendendo così gratificante la loro permanenza in famiglia. La Fondazione Gli Occhi del Cuore - onlus è nata a Foggia proprio con queste finalità. Ed è nata grazie all’impegno ed alla volontà delle famiglie di ragazzi ciechi pluriminorati residenti in Capitanata e della Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti-Sezione Provinciale di Foggia.

     

    “Conclusa la frequenza scolastica ed impossibilitati ad inserirsi nel mondo del lavoro, buona parte dei non vedenti pluriminorati adulti trascorrono la propria giornata in casa, inoperosi, demotivati e quasi abbandonati a se stessi – spiega il presidente della Fondazione, Vito Pacillo - . E’ tale la sofferenza dei genitori e dei familiari, che spesso si vedono costretti a malincuore a separarsi da loro, preferendo collocarli in istituti o comunità, pur di garantire loro una esistenza più dignitosa e più viva. Lo stesso problema a breve lo vivranno altri ragazzi ciechi pluriminorati che si avviano a concludere la frequenza scolastica. La situazione, inoltre, sta divenendo sempre più insostenibile per l’inesistenza o la grave insufficienza di interventi di Enti pubblici”.

     

    La Fondazione Gli Occhi del Cuore, dunque, guarda al futuro dei ragazzi. "Basti pensare - aggiunge Pacillo - che solo a Foggia ci sono 30 ragazzi ciechi – pluriminorati, a cui aggiungere altri 60 ragazzi della provincia. Attualmente, senza alcun contributo finanziario da parte delle Istituzione, i ragazzi con disabilità visiva sono accolti negli spazi del centro Diurno per Pluriminorati dell’U.I.C.I. dove svolgono grazie al mondo del volontariato e della Fondazione circa dieci ore di attività laboratoriali alla settimana". Da ricordare, che la Fondazione ‘Gli Occhi del Cuore' sarà coinvolta nel corso di ‘Fotografando con gli occhi del cuore'. E' questo infatti il tema che accompagnerà la nuova edizione del corso 'Fotografando con obiettivo solidale', l'iniziativa promossa dal bancario con la passione per la fotografia Giuseppe Lacertosa, che anche quest'anno punta a coniugare la sua passione con la solidarietà. All'iniziativa parteciperanno anche le persone non vedenti pluriminorate adulte che attraverso la loro partecipazione stuzzicheranno i partecipanti ad avvicinarsi al mondo della fotografia con un occhio più solidale e sensibile.

    e.m.









  •  

  •     DOCUMENTI ALLEGATI ALL'ARTICOLO

    Non Ŕ presente nessun allegato




  •  

  •     ARTICOLI ALLEGATI

    Non Ŕ presente nessun articolo allegato















commoncommoncommon