Spazio Sociale
Web Hosting

  •  SALUTE
     15/12/2016
    Sani stili di gita: alla scoperta dei tesori di Ascoli Satriano
    Dalla cultura del buon cibo e dell’attività fisica al benessere fisico e mentale
    Sani stili di gita: alla scoperta dei tesori di Ascoli Satriano

    Archeologia, convegnistica, corretta alimentazione e danza sono stati gli ingredienti della manifestazione ‘Sani stili di gita: alla scoperta dei tesori di Ascoli Satriano’, organizzata lo scorso 26 novembre dall’Associazione Sani stili di vita. “La manifestazione – spiega la presidente Teresa Anna Maria Marcone - ha avuto l’obiettivo di formare una cultura che, attraverso la conoscenza delle nostre radici; il buon cibo che ci lega alla tradizione e alla terra; la relazione e il movimento, ci porti a riconquistare i nostri spazi e a produrre benessere. Non solo fisico, ma anche mentale e sociale”. Dalla cultura del buon cibo e dell'attività fisica, in pratica, al benessere fisico e mentale.

     

    La giornata è iniziata con una gita al polo museale di Ascoli Satriano dove i circa quaranta partecipanti hanno potuto osservare, accompagnati da una guida, le ricchezze archeologiche del territorio. Un percorso che ha attraversato il mondo muliebre dal IV al II secolo a.c., con i corredi delle tombe daune rinvenute presso Ascoli Satriano, e che si è concluso di fronte alla magnificenza dei marmi policromi, fra cui il gruppo scultoreo dei Grifoni, (trapezophoros) appartenente, con ogni probabilità, al corredo di una tomba a camera. I famosi marmi del IV secolo a.C. furono rinvenuti tra il 1976 e il 1977 attraverso scavi clandestini ad opera di tombaroli locali; venduti al mercato nero estero, sono stati restituiti all'Italia circa dieci anni fa. Successivamente si è raggiunta la Cooperativa agricola ‘Palazzo Piccolo’ dove, dopo il saluto di Antonio Battista, direttore sanitario dell’ASL Foggia, che ha sottolineato l’importanza di una visione olistica del benessere (non solo fisico, ma anche mentale e relazionale), si è tenuta una interessante discussione a seguito delle relazioni degli specialisti intervenuti.

     

    Teresa Anna Maria Marcone ha trattato il tema del Diabete Mellito, epidemia del terzo millennio, una malattia cronica di notevole impatto sulla popolazione che si previene e si cura proprio attraverso i sani stili di vita, buona alimentazione, lotta alla sedentarietà, educazione terapeutica strutturata ed autocontrollo. Di seguito il professor Ivan Cincione ha esposto il ruolo del microbiota sui processi metabolici e ha illustrato gli ultimi lavori scientifici che vogliono dimostrare come il digiuno alternato, fatto sotto stretto controllo medico, possa produrre effetti benefici. Quindi lo  psicologo Antonio Petrone ha trattato la relazione fra l’emozione e l’insorgenza della malattia cronica in una visione olistica dell’essere umano.

     

    Dopo la trattazione, la degustazione di cibi biologici come olio, legumi, ortaggi e cereali macinati a pietra che hanno allietato il momento di convivialità, il gruppo ha partecipato ad un percorso esperenziale di tango, per l’armonia di corpo e mente, con Antonella Salerno, presiedente dell’associazione Libertango. “Attraverso la percezione del sè, prima e poi nella relazione con l’altro, si vuol dimostrare come la danza e, nello specifico, il tango, possa essere ‘’terapia’’ di supporto non solo nell’obesità e nelle malattie metaboliche, ma anche nelle malattie osteo-articolari e nelle neuro-motorie come il morbo di Parkinson”.

     









  •  

  •     FILMATI ALLEGATI ALL'ARTICOLO

    Non Ŕ presente nessun video allegato all'articolo




  •  

  •     DOCUMENTI ALLEGATI ALL'ARTICOLO

    Non Ŕ presente nessun allegato




  •  

  •     ARTICOLI ALLEGATI

    Non Ŕ presente nessun articolo allegato















commoncommoncommon