Spazio Sociale
Web Hosting

  •  DISABILITA
     18/04/2017
    Lecce, il Rosone della Basilica di Santa Croce accessibile ai non vedenti
    Con il progetto ’Arte per Tutti’, dell’associazione Poiesis, i beni culturali diventanto tattili
    Lecce, il Rosone della Basilica di Santa Croce accessibile ai non vedenti

    La città di Lecce avvia un percorso partecipato volto alla realizzazione della riproduzione tattile e dell'audio descrizione di uno dei simboli della città, il Rosone della Basilica di Santa Croce. L'obiettivo è di promuovere la fruizione dell'arte alle persone con disabilità visiva, allargando il processo di costruzione del prototipo del Rosone a esperti in accessibilità dell'arte, in riproduzioni tattili di beni culturali e ad artigiani specializzati nella lavorazione della pietra leccese. È questo 'Arte per Tutti', progetto realizzato dall'associazione Poiesis, affiliata Arci, e vincitore di ‘Orizzonti solidali' - Edizione 2016, bando di concorso promosso dalla Fondazione Megamark in collaborazione con i supermercati dok, A%26O, Famila e Iperfamila. Insieme a Poiesis, da anni impegnata sul territorio in progetti sull'accessibilità, il Museo Tattile Statale Omero, l'Arcidiocesi di Lecce, il MUSA - Museo Storico-Archeologico dell'Università del Salento, il Centro Italiano Tiflotecnico, l'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Sezione di Lecce, il Dipartimento di Beni Culturali dell'Università del Salento, Arte Amica, Kaleidos e Arci Lecce. "L'accessibilità è un requisito necessario perché il diritto alla cultura e all'arte sia garantito per tutti – spiega Gian Maria Greco, Marie Skłodowska-Curie Fellow presso l'Università Autonoma di Barcellona e responsabile scientifico del progetto - . Rendendo accessibile il simbolo più rappresentativo del Barocco leccese, il progetto 'Arte per Tutti' è quindi un passo importante verso la costruzione di una vera comunità inclusiva".

     

    Il prototipo sarà realizzato in resina, materiale resistente e adatto alla riproduzione di dettagli, dal Museo Tattile Statale Omero e saranno coinvolti artigiani locali per la creazione in pietra leccese di alcuni dei particolari del Rosone a grandezza reale. Il risultato finale sarà presentato il prossimo autunno e sarà esposto nella Pinacoteca del Museo Diocesano di Lecce. Il patrimonio artistico e culturale di Lecce si apre, così, all'accessibilità, allargando la fruizione di uno dei simboli indiscussi del barocco leccese alle persone con disabilità visiva. Un modo nuovo di pensare anche alla qualità dell'offerta turistica, che diventa più inclusiva e attenta a fasce della popolazione con esigenze differenti, e offre a tutti la possibilità di vivere un'esperienza sensoriale inedita del Rosone. "Ogni forma d'arte esprime bellezza, e la bellezza è un sapore che dovrebbero gustare tutti – dichiara Salvatore Peluso, presidente UICI della Sezione di Lecce – ma per non vedenti e ipovedenti, però, questo non sempre avviene. “Arte per Tutti” ha il merito di sensibilizzare e per certi aspetti educare le istituzioni a pensare all'accessibilità, perché fruire di un bene culturale, qualunque sia la sua natura è un diritto di tutti. Realizzare una rappresentazione tattile della facciata della Basilica di Santa Croce di Lecce, autentico emblema del nostro barocco, significa che i privi della vista salentini hanno finalmente l'opportunità di conoscerne l'imponenza, la magnificenza, potendone apprezzare dettagli artistici e architettonici»".

     

    Grazie ad 'Arte per Tutti', la realizzazione del Rosone diventa un'opportunità per la cittadinanza e per gli operatori del settore di acquisire tecniche e conoscenze per comprendere questo processo e allargare la produzione di materiali accessibili di qualità a persone cieche e ipovedenti. Le attività di formazione e sensibilizzazione, gratuite e aperte a tutti su prenotazione (project@poiesis.it), si svolgeranno nei locali del MUSA - Museo Storico Archeologico dell'Università del Salento presso il Complesso Studium 2000 in via di Valesio a Lecce dalle ore 9 alle 13.30. Primo appuntamento, il 27 aprile con il modulo su 'Riproduzioni tattili', in particolare sui metodi e strumenti per la traduzione a rilievo per le opere bidimensionali, i laboratori esperienziali al buio e l'arte tattile contemporanea, a cura di Andrea Socrati responsabile della didattica speciale del Museo Statale Tattile Omero di Ancona. Seguiranno i moduli 'Accessibilità museale e dei beni culturali' in programma il 10 maggio, a cura di Aldo Grassini e Annalisa Trasatti, rispettivamente Direttore e Responsabile servizi del Museo Omero, 'Accessibilità nei musei universitari' il 12 maggio a cura di Grazia Maria Signore, Francesco Meo e Corrado Notario dell'Università del Salento e Giovanna Spinelli, esperta in accessibilità dell'Unione Ciechi e Ipovedenti di Bari, le 'Audio descrizioni' nei giorni 3, 16 e 19 maggio con Grazia Maria Signore dell'Università del Salento, Valentina Terlizzi di Poiesis e Gian Maria Greco dell'Università Autonoma di Barcellona e, infine, il modulo sulla 'Comunicazione accessibile' con lo stesso Gian Maria Greco e Fabrizio Martina di Poiesis. L'intento è quello di diffondere la cultura dell'accessibilità e la necessità di garantire il diritto di accesso e di pieno godimento dell'arte e della cultura da parte di tutti i pubblici ed in particolare delle categorie a rischio di esclusione sociale. Verrà riconosciuto 1 CFU agli studenti del Corso di Laurea Magistrale in Storia dell'Arte, indirizzo Patrimonio Culturale, del Dipartimento di Beni Culturali dell'Università del Salento.

     

    "L'accessibilità alla cultura è un settore in espansione a Lecce e nel Salento – ribadisce Federica Legittimo, coordinatrice del progetto – ma perché sia realmente efficace è necessario che la buona volontà sia supportata da consapevolezza e formazione specifica. Grazie al sostegno della Fondazione Megamark e alla collaborazione con esperti del settore, con questo progetto Poiesis continua la sua attività in favore della professionalizzazione del territorio".









  •  

  •     FILMATI ALLEGATI ALL'ARTICOLO

    Non Ŕ presente nessun video allegato all'articolo




  •  

  •     ARTICOLI ALLEGATI

    Non Ŕ presente nessun articolo allegato















commoncommoncommon